Are you the publisher? Claim or contact us about this channel


Embed this content in your HTML

Search

Report adult content:

click to rate:

Account: (login)

More Channels


Channel Catalog


Channel Description:

Il blog della Fondazione Terra d'Otranto

older | 1 | .... | 141 | 142 | (Page 143) | 144 | 145 | .... | 157 | newer

    0 0

    [...] http://spigolaturesalentine.wordpress.com/2012/05/16/nardo-lecce-e-la-rivolta-dei-raccoglitori-di-po... Share this:FacebookTwitterStumbleUponStampaRedditLike this:Mi piaceBe the first to like this. [...]

    0 0

    grazie raffaella :-))))))))))

    0 0

    Non credi più nei punti esclamativi in assoluto o nello specifico del mio scritto? In realtà il punto eslamativo copre un’ampia gamma di bisogni espressivi, dalla semplice sorpresa, meraviglia, stupore…al disappunto, al rimpianto, fino ad arrivare alla rabbia, sostituisce parole di dolore…Un po’ come con le faccine dei messaggi brevi, le emoticons,che sostituiscono velocemente ma non compiutamente una serie variegata di cose da dire. Non credi più nei punti esclamativi? E come si può fare a meno di entusiasmi, di passioni, di nuovi incanti? Cambiano nel corso degli anni le cose da sottolineare col punto esclamativo, ti auguro di poterlo usare a lungo per mille cose belle.

    0 0

    Esulto anch'io, però ci sono due punti che vorrei mi fossero spiegati: in base a quale principio giuridico la società potrebbe chiedere il risarcimento danni per il 2012 (lascio perdere gli anni precedenti); e, cosa ancor più inquietante, ammesso che ancora io sappia leggere, "ulteriore rinvio" e "per quest'anno" non sono in palese contraddizione con il "non si tornerà più indietro"? Potrebbe essere pubblicato, per favore, su questo sito il testo integrale della sentenza? Credo che facciano più danno i messaggi trionfalistici che quelli di certi politici o le loro stesse decisioni...

    0 0

    E fra poco toccherà a me, ma, questa volta, a causa dei puntini di sospensione...

    0 0

    Concordo pienamente con la signora ricchiuto. E' tutta una questione di INVIDIA. Di quel palazzo non se ne e' mai interessato nessuno...solo adesso che qualcuno ha avuto il Coraggio di chiederne l'uso sia anche per far mangiare qualcuno in un ambiente fresco tutto questo clamore!!! Trattoria Iolanda cercate di riaprite il più presto possibile non fa niente dove!!!

    0 0

    No no, non mi riferisco al tuo scritto, era una breve riflessione generale. Sai, preferisco il punto interrogativo, mi si addice di più...

    0 0

    C’è un limite a tutto! Dire che sono esterrefatta e indignata è dir poco. Si poteva cercare un modo più decoroso per far rivivere “ Casa Comi “ e la poetica del suo proprietario. Ma quale invidia e invidia signori miei! Ci vorrebbe solo un po’ più di dignità!

    0 0

    Adesso è vero. Si è toccato il fondo, anche quello del mare.Vergogna, sfruttare anche la tragedia dell'isola del Giglio. Lasciamo riposare in pace le vittime e se ci sono veramente le rose, dedichiamole a loro.

    0 0

    il problema di certa (dis) informazione esiste da sempre. Il problema di ritenere il proprio orticello un'oasi serena e tranquilla anche. Esiste l'immigrazione? Si chiude Boncuri? Stiamo sereni ad osservare. I migranti sciamano per le terre neritine, acquistano nei negozi neritini, i migranti sono invisibili o sono problemi di altri, non nostri. Non concordo con lo snaturare le pro loco, dovrebbero essere "per il luogo", per tutti quanti. Il problema è che ci sono giornalisti (?) utili idioti che servono (servi) di una parte. Quando questa parte è (a loro insaputa) mafiogena, il problema esiste veramente. Quando la parte che servono è omertosa il problema esiste. Sono i comportamenti protoleghisti: chi è diverso da noi è terrone/nero/straniero, quindi, per definizione, puzza un pò e delinque. Se poi un immigrato dà lezione di cittadinanza denunciando, allora, per qualcuno, diventa un nemico. Proprio perchè è nemico dei suoi amici.......

    0 0

    se i cittadini devono pagare quella cifra è perchè la ditta avrebbe ragione in base alla mancanza di vincoli. I vincoli vengono inseriti a livello regionale e comunale dai politici. Chi sono questi politici e a quali partiti appartengono ? TOP SECRET ?

    0 0

    Due osservazioni: 1) la voce greca è leucòs; scrivendo leucos sono obbligato a leggere lèucos che in greco esiste ma è il nome di un pesce. 2) Luigi Tasselli non scrisse “Antichità di Leuca 1963”, che sarebbe stato un titolo contraddittorio, oltre che profetico, visto che egli morì nel 1694, cioè un anno dopo la pubblicazione del suo libro. -Mamma mia, dirà qualcuno, tanto rumore per una metatesi (stavo per scrivere inversione) di 69 (stavo per scrivere del 69, poi ho pensato che Rocco Siffredi si sarebbe potuto risentire) e per delle virgolette posticipate!- Nella mia vita ho visto e continuo a vedere certamente di peggio, ma non posso non far notare alla gentile autrice ed all’altrettanto gentile lettore che questo pezzo ebbe la luce, pare, il 31 maggio 2010 col titolo “Leuca, le ville, l’eclettismo della bellezza”; basta andare all’indirizzo: http://www.arteeluoghi.it/index.php?option=com_content&view=article&id=28:leuca-le-ville-lecclettismo-della-bellezza&catid=31:grandangolo-a-proposito-di-coordinate-geografiche&Itemid=46 Il 7 agosto 2011 indicato in calce al post odierno si riferisce, dunque, alla seconda pubblicazione. Sono passati più di due anni dalla prima uscita, siamo alla terza e mi chiedo se in questo lasso di tempo nessun lettore si sia accorto dell’errore invitando l’autrice a rimediare. Ne aveva il dovere morale di fronte agli utenti della rete più ingenui, sprovveduti o semplicemente distratti perché, grazie al copia-incolla praticato senza uno straccio di controllo, “Antichità di Leuca 1963” si legge in: http://www.leucaaffitti.com/ http://www.palicelli.it/salento.html E, per la serie “facciamoci conoscere anche dagli stranieri” in: http://demo.arte.it/search.php?q=LEUCA&x=11&y=15 Si legge al primo posto: “Capuchin monk Tasselli, author of Antichita' di Leuca 1963 (Antiquity of Leuca 1963)”. http://www.leuca.info/en/santa-maria-di-leuca/its-history-and-legend.asp Gemello del precedente: “The Capuchin monk Tasselli, author of “Antichità di Leuca 1963” (“Antiquity of Leuca 1963”) wrote...”. Chiedo all’autrice se non sia il caso di intervenire per evitare che fra qualche mese l’elenco risulti vergognosamente più lungo e che, addirittura, “Antichità di Leuca 1963” sia citato in qualche pubblicazione a stampa uscita con il beneplacito di qualche referee di ultima (ma anche penultima e terzultima...) generazione. Armando Polito

    0 0

    A proposito del Palazzo Comi a Lucugnano con annesso Centro studi e biblioteca: Si hortum in bibliotheca habes, deerit nihil (M. T. Cicerone) Se presso alla biblioteca ci sarà un giardino, nulla ci mancherà.

    0 0

    kool.

    0 0

    toccante

    0 0

    Probabilmente, Fernando Sammarco autore del romanzo "Arthas, il Grande Eroe di Messapia", è stato attratto, consciamente o inconsapevolmente, dalla grafia arθas rinvenuta su alcune epigrafi messapiche ed edite dal compianto Ciro Santoro. La forma arθas è allotropa di artas e di una variante con il simbolo di tridente con valore di dentale sorda (che in questo post non riesco a inserire). In alcuni testi epigrafici t/θ/(tridente) sono equivalenti; mentre in altri solo θ ha valore di interdentale: da qui, la soluzione artas:arthas.

    0 0

    Mi entusiasma il tuo articolo, Paolo, la sua originalità ordinaria nel tuo modulo descrittivo e speculativo personale. Filosofia e narrazione, doppio binario di un percorso romantico e affettivo. Mi piacciono i commenti che ti son stati dedicati e, se lor signori permettono, la terza acquirente dei tuoi saggi, seconda di una lunga lista, sarei io!

    0 0

    Grazie Raffaella per le tue belle parole :) Questo pezzo, oggi rispolverato da Marcello, è stato pubblicato qua nel luglio 2010, esattamente due anni fa. Nel frattempo, lungo i binari imprevedibili della vita, ho avuto il piacere e l'onore di incontrare più volte e conoscere così personalmente Antonio Errico, che all'epoca del pezzo conoscevo solo di penna. E osservando da vicino che stupenda persona sia, ho potuto comprendere anche meglio il coraggio e la passione di quel tesista del '79. Una felice giornata

    0 0

    "Questo Amore"....di Prevert, è a questa famosa poesia che mi ha fatto pensare, stesso stile e passione, la fine dell'introduzione di Errico. Sarà amore vero anche questo.

    0 0

    Il dilemma Arthas o Arthas rischia di diventare uno specchietto per le allodole e io, sarà presunzione, allodola non mi sento. Al di là delle ambigue risultanze epigrafiche resta a far testo, sono costretto a ripetermi, la grafia tucididea che, evidentemente, è considerata la più attendibile se in tutti gli studi sul “sovrano” messapico si legge Artas; la cosa più grave, però, secondo me, è che, al di là dei tentativi di interpretazione di questa resa grafica, ancora sfugge l’importanza delle altre questioni connesse di ben più ampio respiro da me sollevate, sulle quali, oltre che su Arthas/Arthas che per me a questo punto diventa un dettaglio secondario ma non certo da trascurare, ancora attendo la replica del diretto interessato. Eppure mi riesce difficile immaginare che coloro che lo conoscono personalmente non l’abbiano aggiornato...

older | 1 | .... | 141 | 142 | (Page 143) | 144 | 145 | .... | 157 | newer