Quantcast
Channel: Commenti per Spigolature Salentine
Viewing all articles
Browse latest Browse all 3124

Commenti su Quel cartello dell’aeroporto di Lecce Lepore di Raffaella Verdesca

0
0

Gianni Ferraris, lei è un grande! Leggere i suoi articoli è interessante a tal punto da essere ingoiati fuori dal tempo col sorriso costantemente stampato sul viso.Umorista, ironico e soprattutto autoironico, qualità rare, ancor più se condite da fluidità di scrittura e inelligenza narrativa.Cosa dire dei segnali stradali? Siamo in Italia, il paese dei paradossi, delle contraddizioni, della fantasia sfrenata. C’è chi cerca di vendere la Fontana di Trevi e c’è chi s’impegna a colorare di cartelli i tratti stradali di sua competenza! E comunque, se siamo ancora tutti qui, vuol dire che le sciagure paventate dai pittoreschi triangoli di pericolo non si sono ancora abbattute sulle nostre fragili e ignare vite. Il segnale del capriolo che si libra nell’aria in strade di campagna dove a stento si vedono due lucertole, lei l’ha mai visto? Anche quella figura è collocata misteriosamente nell’aria, un po’ come l’aereo-incubo del sindaco di Vernole: per un periodo ho sognato che l’elegante erbivoro mi planasse davanti, più che altro per il desiderio di ammirarlo senza dover pagare il biglietto allo zoo o appostarmi inutilmente per ore dietro un masso del Gran Sasso dopo aver scalato massacranti dislivelli di 1000 mt. Per alcuni solerti curatori della sicurezza stradale deve essere andata più o meno così: la notte il sognaccio con la valanga assassina o il brecciolino esplosivo, e la mattina dopo un bel segnale che li sbatta in faccia agli innocenti automobilisti. Antifona: “Pensavate che solo io dovessi sopportare questi incubi angoscianti? Tièèèè, ora beccateveli voi!” D’altronde, siamo in democrazia!


Viewing all articles
Browse latest Browse all 3124

Latest Images

Trending Articles





Latest Images