Quantcast
Channel: Commenti per Spigolature Salentine
Viewing all articles
Browse latest Browse all 3124

Commenti su Un emblematico caso di pessima gestione delle risorse di un comprensorio del Capo di Leuca di Raffaella

0
0

Se il dio Priapo desse oggi uno sguardo alle campagne intorno a Tricase, Specchia e Miggiano, si sentirebbe ormai inutile e sconfitto. Lui, protettore dei campi, dei raccolti, della fecondità e della fertilità, saprebbe di non avere più niente da fare da quelle parti. Eh già, perchè al cemento progettato per la costruzione della zona industriale basta essere innaffiato da denaro a pioggia e concimato da speculazioni di terza classe per proliferare come una giungla. Così il bollettino di guerra dei siti archeologici ignorati e degli ulivi massacrati supera di gran lunga la forte dotazione virile del povero dio, peraltro sfrattato insieme a queste meraviglie al pari di un miserabile accattone. Lui, l’immortale, vittima di un licenziamento brutale e senza giusta causa.
“Legge di mercato, necessità del progresso!” si affretterebbero a giustificare i responsabili di questa cementificazione demenziale.
Lo scempio paesaggistico del Capo di Leuca è fratello di una ricca nidiata nata nei palazzi della Provincia e della Regione Puglia, nascosto dietro a giacche e cravatte che tentano la scalata sulle nostre ricchezze archeologiche e naturalistiche in nome di un’emancipazione economica parossistica e sanguinosa. Allungare il passo per raggiungere l’indipendenza e la produttività industriale è cosa santa e giusta, ma mai senza stare attenti a dove si mettono i piedi. Il rischio è sempre quello di sporcarsi calpestando ciò che facilmente si può immaginare.
Siamo dunque il risultato di un’evoluzione antropologica che ci ha saltato a piè pari, alcuni da spettatori inerti, altri da attivisti incaprettati.
Marco e i suoi amici conservano dell’ “HOMO” quel “SAPIENS” ancora capace di incitare ognuno di noi alla lotta, alla resistenza, alla denuncia sostenuta da un’informazione vera e da una speranza reale.
Quando gli ultimi frammenti di cemento e di asfalto cadranno preda dell’uso, dell’abbandono e degli anni, forse qualcuno ritroverà il monolite della Pajara vicina a Lucugnano, totem sacro di un popolo che viveva, ha lasciato vivere e saputo vivere le meraviglie della terra e del proprio pensiero in un abbraccio infinito col tempo.


Viewing all articles
Browse latest Browse all 3124

Latest Images

Trending Articles





Latest Images