Quantcast
Channel: Commenti per Spigolature Salentine
Viewing all articles
Browse latest Browse all 3124

Commenti su Il lavoro sporco della letteratura di Alfredo Romano

0
0

Quando ho letto che Giovanni Vantaggiato si sia ispirato, nel suo gesto criminale, al libro “Manuale del guerriero della luce” di Paolo Coehlo, ho fatto un salto sulla sedia. Può un libro essere colpevole? No, il libro non può avere colpa. Sarebbe come dire che assistendo a un film avente per soggetto crimini e misfatti si possa avere la tentazione di commettere un delitto. Di Coehlo ho solo letto, tanti anni fa, “Sulla sponda del fiume Piedra mi sono seduta e ho pianto”. E mi è bastato. Ma un libro non ha colpa, semmai può accadere che una mente malata o infantile trovi una giustificazione ai suoi propositi insani. Ogni opera letteraria è sempre una finzione e, come tale, ha il compito di incanalare le nostre pulsioni, i nostri tormenti, le nostre spinte emotive. La letteratura insomma ha una funzione catartica. Soprattutto un libro è un compagno di vita, un piacere, un viaggio verso le colonne d’Ercole, un viaggio alla ricerca del vello d’oro. Certo, penso alla povera Melissa, al suo triste destino in cui c’entra anche un libro, lei che magari amava leggere e perdersi per mari sconosciuti alla ricerca del suo principe azzurro.


Viewing all articles
Browse latest Browse all 3124

Latest Images

Trending Articles





Latest Images