Quantcast
Channel: Commenti per Spigolature Salentine
Viewing all articles
Browse latest Browse all 3124

Commenti su Italiani di Crimea, una tragedia attuale di Raffaella

0
0

Triste drammatico pezzo di una storia poco conosciuta, quella forse retrocessa, per chissà quale logica, in serie B: la deportazione in Kazakistan degli italiani stabilitisi in Crimea tra il 1830 e il 1870.
C’è qualcuno di noi che si ricordi di averlo imparato a scuola?
Se pensiamo che perfino dell’eccidio delle foibe siamo venuti a conoscenza da poco, niente ormai ci può stupire. Ci sono stati accenni qua e là, forse qualche sbadigliante riferimento. Grata alla Redazione sempre attenta alla diffusione del mondo passato e attuale, e grata all’autore di questo articolo, Paolo Rausa, denuncio la mia quasi totale ignoranza dei fatti e m’indigno. Agricoltori, marinai e addetti alla cantieristica navale partirono verso la Crimea da Trani, Bisceglie e Molfetta col miraggio di una vita nuova. Fu solo l’illusione di poco perchè, tra purghe staliniane e politiche perverse e tiranniche della neofondata UNIONE SOVIETICA, le minoranze nazionali, tra cui quella italiana, furono deportate in Kazakistan con fantomatiche accuse di spionaggio e fascismo rivolte perfino a tutti i rifugiati politici dichiaratamente antifascisti. Solito delirio di potere e onnipotenza, rinnovato orrore del vuoto dell’anima. La metà dei deportati morirono durante la massacrante odissea da Kierc al Kazakistan, i loro corpi buttati fuori dai vagoni e dalle navi come vuoti a perdere e i pochi arrivati a destinazione fucilati, torturati, maltrattati nei campi di lavoro sovietici.
Vedete? Il ‘Giorno della memoria’ destinato al massacro degli ebrei nei lager nazisti, in realtà si dilata nel tempo spaziando tra passato e presente in un unicum fatto di dolore e riflessione: i nomi cambiano, ma le barbarie permangono e di qualsiasi colore si tingano, di qualsiasi nazionalità si presentino e sotto qualsiasi perversa ideologia politica si nascondano, gridano pietà! La pietà della conoscenza per restituire dignità a corpi senza croci, rispetto a storie senza pagine, veridicità a sacrifici senza riconoscimento e amore a sogni senza futuro.


Viewing all articles
Browse latest Browse all 3124

Latest Images

Trending Articles





Latest Images