Quantcast
Channel: Commenti per Spigolature Salentine
Viewing all articles
Browse latest Browse all 3124

Commenti su Sant’Antonio ed il prigioniero di raffaellaverdesca

0
0

Un gruppo di uomini, più o meno numeroso, in prigionia è smembrato dagli stenti e dalla solitudine. Alessio Palumbo ricorda un racconto di sua nonna riguardo un cugino prigioniero di guerra in Austria nel ’18. La strada da Aradeo al Nord Italia per combattere in nome di una causa neanche tanto conosciuta e sentita qui al Sud, è lunga, la strada dal Nord Italia all’Austria per arrendersi alle catene di una prigionia brutale è ancora più lunga. Come può un uomo semplice arrivare così lontano da se stesso, dalla sua terra, dalle sue visioni incruente del mondo e dai suoi affetti senza rischiare di perdere l’equilibrio mentale? La disumanizzazione è lenta e avida, a meno che non si accenda una luce nell’animo del recluso, una luce di fede e di speranza. Tutti noi, nella nostra fragilità, abbiamo bisogno a volte di vedere e di toccare, in poche parole di materializzare ciò di cui abbiamo bisogno, ed ecco che Luigi, il lontano parente di Alessio, concentra tutto questo in una statuetta di Sant’Antonio trovata (forse non per caso) nella baracca dove era confinato. A me viene in mente, a questo punto, il film di ‘Cast away’ interpretato da Tom Hanks nel 2000. Qui il protagonista, naufrago, sopravvive su un’isola deserta grazie all’umanizzazione di un pallone ritrovato insieme ai detriti del naufragio. Lo chiama Wilson, gli parla come a un amico, cosa che di sicuro avrà fatto Luigi Pedone con il suo Sant’antonio di ceramica, se ne affeziona e lascia che il suo istinto di sopravvivenza si rinvigorisca in virtù della inerte presenza di quello, il suo migliore ‘compagno di prigionia’. Luigi Pedone e il naufrago attuano la stessa strategia: sopportano ogni dolore e disperazione in nome dell’affetto che li lega al nuovo amico fino a sfidare l’ignoto, ovvero ritornare vivi al proprio mondo. Le onde violente dell’oceano non sono da meno del rimanere lucidi e sani in un lager e durante questo estremo percorso Wilson, la palla, si perde tra le onde e Sant’Antonio arriva ad Aradeo in frantumi. I pezzi di quest’ultimo vengono però ricomposti dalla nonna di Alessio, destinataria del prezioso dono della statua, allo stesso modo della vita infranta del povero Luigi.
Hai proprio ragione, Alessio, l’uomo è tanto corpo quanto spirito, e il tuo bel racconto lo dimostra a chiare lettere: lo sguardo che esige potenzia l’anima, l’anima che è potenziata regala vita, la vita donata si stempera oltre lo sguardo puntando all’infinito. Questo è l’aspetto sacro dell’uomo che non muore.


Viewing all articles
Browse latest Browse all 3124

Latest Images

Trending Articles





Latest Images